Lettori fissi

martedì 21 giugno 2016

PAUSA ESTIVA..

Buongiorno,
visto la mancanza di voglia di cucinare, il periodo di dieta forzata autoimposta dal mio organismo, l'arrivo della stagione estiva,
ho deciso di fare una pausa e riprendere con più verve a settembre, anche perchè non ho ricette nuove da mettere qui!

vi auguro di trascorrere una buona estate!!!


LAVANDA.. COSA NON SI FA CON TE?

Immagino che quasi tutti sappiate com'è fatto uno spigo di lavanda e il profumo che ha..
se qualcuno non la conoscesse può andare a giro per i campi da giugno in poi e cercare dei cespugli con spighe lilla profumatissime, ogni spiga ha molti fiorellini che nutrono api fameliche, oppure farsi un giro in Provenza dove si corre il rischio di esserne soggiogati da quanti campi sterminati ce ne sono, anche perchè la coltivano a fini industriali per produrre profumi, ma non solo..
Con la lavanda essiccata al sole le nostre nonne e bisnonne preparavano dei sacchettini con cui profumare e tener lontane le tarme dai cassetti e armadi e dalle "madie" in cui conservavano il corredo, molto prima dell'avvento della canfora o del Raid!


La lavanda è un arbusto sempreverde a fusti eretti, la cui sommità è provvista di foglie color verde cinerino, lineari. I fiori sono raggruppati in spighe sottili di color blu/violetto.
Ha moltissime proprietà, conosciute fin dai tempi antichi, antiemetica, antisettica, analgesica, battericida, vaso dilatante, antinevralgica, blando sedativo per dolori muscolari, qualche goccia di olio essenziale di lavanda sul cuscino o sulla testiera del letto farà fare sogni tranquilli ai bambini e anche agli adulti, come anche qualche goccia di olio nell'acqua del bagno aiuta a rilassarsi.
In aroma terapia è usato come antidepressivo, tranquillizzante ed equilibrante del sistema nervoso, decongestionante in caso di raffreddore e influenza.
L'aroma dei fiori si conserva anche quando sono secchi.

Ma lo sapete che la lavanda è anche buona da mangiare?
Io sapevo che in alcuni mix di spezie la usavano, come in quello per lo stufato alla San Giovanni (Valdarno) o nel mix di spezie provenzali, ma non immaginavo che si potessero fare anche altri usi dei fiori, sia freschi che secchi.. invece mi sono dovuta ricredere!
Dopo una fioritura abbondante di lavanda da mia zia ho deciso che era giunto il momento di provare a fare la marmellata di albicocche e lavanda scoperta anno scorso durante il contest/raccolta delle marmellate, per cui ne ho raccolta ed essiccata una discreta quantità proprio nel momento di massima fioritura, poi mi sono messa a cercare su internet ricette per utilizzarla al meglio e..
mi si è aperto un mondo di possibilità, di cui ve ne elenco solo alcune (cioè quelle che penso di riprovare):
ZUCCHERO ALLA LAVANDA
MUFFINS ALLA LAVANDA
TORTA ALLA LAVANDA
RISOTTO ALLA LAVANDA (?)
SCIROPPO ALLA LAVANDA
BISCOTTI ALLA LAVANDA
CREMAALLA LAVANDA
MARMELLATA ALBICOCCHE ALLA LAVANDA

et dulcis in fundo.. MIGNON ALLA LAVANDA di niente po' po' di meno di .. Luca Montersino!

Ho iniziato dalla più semplice, cioè dallo ZUCCHERO ALLA LAVANDA
che dopo tutto questo sproloquio vi lascio:
Ingredienti:
zucchero - fiori secchi di lavanda
Preparazione:
In un barattolino ermetico pulito mettere lo zucchero e i fiori secchi di lavanda, chiudere bene ed agitare, poi lasciare qualche settimana in luogo buio per far profumare bene lo zucchero.

Prossima puntata? Muffins alla lavanda, of course..

ATTENZIONE

Copyright © Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.